domenica 7 giugno 2015

Da Canonica a Ponte Albiate lungo il sentiero “Roggia del Principe”


Si è svolta domenica 7 giugno 2015 l'escursione - organizzata dalle GEV del Parco Valle del Lambro - da Canonica a Ponte Albiate lungo il sentiero “Roggia del Principe”.


Il ritrovo fissato nei pressi di Villa Taverna è stato l'occasione per illustrarne la storia. La costruzione dell'attuale villa fu voluta dal Conte Francesco Taverna (1480-1560), cancelliere alla corte di Ludovico il Moro, appartenente all'antico casato nobiliare dei Taverna. Allo scopo acquistò un forte allora esistente sulla riva sinistra del Lambro, leggermente rialzato rispetto al fiume.


Negli anni trenta del cinquecento diede avvio alla costruzione dell'attuale villa, con l'intento di farne una residenza di delizia, avvalendosi successivamente anche dell'opera dell'architetto Pellegrino Tibaldi. (Fonte Wikipedia)


Dopo aver imboccato la pista ciclo-pedonale posta sul lato destro del fiume le GEV, lungo il percorso, hanno illustrato al gruppo degli escursionisti una pluralità di tematiche, culturali, storico-etnografiche e paesaggistiche in uno dei luoghi più peculiari della Brianza, uno degli esempi più significativi della connessione tra ambiente urbano e naturale all’interno del Parco della Valle del Lambro.

Il ponte della forrovia "Besanina"
La "tana del tasso"
Il Mulino Saletti
 
 

In particolare si è parlato dei Mulini e delle Filande, esempi dell’architettura produttiva di queste terre tra cui lo storico “Mulino Bassi” di Sovico. Di seguito i video in cui il bravo Giacomo Canzi ne illustra le caratteristiche.

video

video

Le macine all'interno del Mulino Bassi
Gli abitanti di Mulino Bassi e i Sindaci della zona sottoscrissero alla fine dell'800 la prima denuncia in Italia di inquinamento nei confronti della tessitura Galeazzo Viganò di Ponte Albiate, che scaricava nel Lambro.

Tabelloni illustrativi della storia del Mulino e della prima denuncia di inquinamento
I capannoni della filatura Galeazzo Viganò a Ponte Albiate
Da Ponte Albiate si è ritornati a Canonica percorrendo la strada asfaltata.

La chiesa di Sant'Eurosia e la cascina retrostante, nei pressi di Canonica
Canonica al Lambro

Nessun commento:

Posta un commento