domenica 26 marzo 2017

Legambiente: no ai tagli delle linee autobus della Brianza


di Dario Balotta, responsabile Trasporti Legambiente Lombardia

A causa dei continui tagli ai servizi di trasporto locale e dell’assenza di un’authority dei trasporti metropolitani che programmi i servizi di mobilità, l’hinterland è mal collegato con Milano, come in nessun’altra capitale europea.  Così si aggravano smog e traffico e  peggiora la qualità della vita dei cittadini. Già i trasporti pubblici, fuori dall’area milanese, sono scarsi ed inefficienti. Sarebbe gravissimo ora tagliare due linee di forza, come la Z-225 e Z-227 che collegano i Comuni di Monza, Lissone, Sesto S. Giovanni e Cinisello Balsamo e che interessano almeno 8.000 pendolari al giorno.

L'area metropolitana milanese è poco servita dai trasporti pubblici rispetto al capoluogo milanese. Con questi tagli il divario si accentuerebbe ulteriormente. I tagli sono frutto di una ripartizione iniqua delle risorse tra Milano e l’hinterland, per questo la Regione deve rivedere le sue riduzioni. Il 49 % della domanda di mobilità si muove da e per Milano con discreti servizi,  mentre il rimanente  52% è abbandonato a se stesso. Se a Milano quasi il 50% usa i mezzi pubblici, le periferie raccolgono solo un misero 10% per questo sarebbero letali nuovi tagli.

sabato 25 marzo 2017

L'Associazione Sant'Agostino di Cassago Brianza espone la collezione di acqueforti (1821-1839) dell'ex Stato Pontificio.


di Luigi Beretta, presidente dell'Associazione storico-culturale Sant'Agostino

In occasione del 50° della sua fondazione l’Associazione storico-culturale sant’Agostino sta organizzando diversi eventi che valorizzino la sua vocazione culturale ed educativa.
Oggi in particolare desideriamo sottoporre all'attenzione una prossima iniziativa che consiste nella esposizione di 46 acqueforti dipinte a mano editate a Roma fra il 1821 e il 1839 in quello che allora si chiamava Stato Pontificio.

Gli autori Giuseppe Capparoni, Salvatore Busuttil (1798-1854) e Filippo Ferrari sono tra i migliori artisti romani dell’epoca e hanno raffigurato in varie serie eventi, personaggi e ambienti del primo
Ottocento pontificio.

La collezione, di provenienza privata di una famiglia romana al servizio del papato fra la fine del Settecento e la fine dell’Ottocento, presenta una serie di personaggi della corte papale, delle organizzazioni religiose e militari pontificie.

Pannelli illustrativi, un totem per una visione informatica delle opere, oltre a visite guidate sono disponibili per una migliore fruizione della mostra.

Inaugurazione della mostra: mercoledì 29 marzo 2017 alle ore 20.45 presso l'Atrio del Palazzo Comunale.

Inaugurazione Centro della Biodiversità del Parco Lura


Domenica 26 marzo, in occasione della Giornata del Verde Pulito al Parco del Lura verrà inaugurato ufficialmente il nuovo Centro Biodiversità di via Brianza a Lomazzo (CO).

Il centro Biodiversità è stato allestito nell’area dell’ex depuratore di Lomazzo ed è stato recentemente rinnovato nell’ambito del progetto per la realizzazione di aree di laminazione lungo il torrente Lura. Il Centro vuole valorizzare e conservare la biodiversità nell’area compresa all’interno del Parco del Lura, in particolare i suoi ricchi ecosistemi acquatici che ospitano tra gli altri il tritone crestato, la rana di Lataste e il martin pescatore.

L’inaugurazione si svolgerà dalle 12. Sarà poi possibile fermarsi per un pic-nic portandosi il pranzo al sacco in compagnia di un simpatico cantastorie e alle 14,30 partecipare a giochi e attività di educazione ambientale per bambini e famiglie.
In caso di maltempo l'inaugurazione sarà rinviata a Domenica 2 Aprile 2017.

Una buona occasione per scoprire il parco e "Per costruire una identità di valle attraverso l'educazione ambientale".

Accesso da via Brianza a Lomazzo, all’imbocco della pista ciclocampestre e, per chi viene in macchina, accesso con parcheggio in Via Risorgimento 7 a Bregnano.

Info: centrobiolura@koinecoopsociale.it

venerdì 24 marzo 2017

Cinisello: Biciclettatata contro i tagli dei bus


a cura di Legambiente Cinisello Balsamo Onlus

Con l'inquinamento atmosferico molto superiore ai limiti di legge, una qualità dell'aria pessima per gran parte dell'anno che causa gravi danni alla salute di tutti noi,invece di aumentare i mezzi pubblici per contenere le immissioni in aria dei gas di scarico, hanno pensato bene di tagliare le 2 principali linee di bus che attraversano la nostra città.

Le responsabilità sono diverse secondo i vari livelli di governo, da quello nazionale a quello locale passando dal regionale e quello di ambito metropolitano, ma il dato di fatto è che il taglio alla fine lo subiamo noi cittadini.

Per opporsi al taglio e far sentire la voce di noi cittadini si è costituito un vasto comitato a cui aderiscono differenti partiti, associazioni e singoli cittadini.

Anche la nostra associazione aderisce e vi invita alla biciclettata che ciporterà fino alla sede della regioen a Monza.

DOMENICA 26 marzo 2017 - ore 9,45 ritrovo - Campo di Quartiere, via Cilea 64. Partenza con arrivo verso le ore 12,00 presso la Sede Regione Lombardia, via Grigna 13 dove si terrà  una ASSEMBLEA CONCLUSIVA SOTTO LA SEDE DELLA REGIONE A MONZA.
Al termine rientro a Cinisello Balsamo

IN SINTESI

Cosa succede?
Dal 31 marzo le linee autobus z225 e z227 che collegano i Comuni di Cinisello Balsamo, Lissone, Monza, Muggiò, Nova Milanese e Sesto San Giovanni rischiano di essere soppresse.
8.000 utenti ogni giorno utilizzano queste linee autobus per andare a scuola, al lavoro, all’ospedale San Gerardo di Monza o alla stazione dei treni e della metro di Sesto San Giovanni.

Qali saranno le conseguenze?
Meno collegamenti tra i Comuni, l’Ospedale di Monza, la Stazione dei treni e della metro di Sesto San Giovanni, gli istituti scolastici.
Più traffico e più inquinamento.

Cosa serve per il servizio?
Senza ricorrere all'aumento delle tariffe servono 1,8 milioni di euro all’anno per garantire le nostre due linee.
 

Cosa chiediamo?
Che il Governo Regionale in ottemperanza alla mozione n.775/2017, votata all’unanimità dal Consiglio Regionale, stanzi immediatamente i fondi necessari a garantire il servizio e che l’Agenzia per il Trasporto Pubblico Locale avvii il Piano di bacino e l’integrazione delle tariffe del trasporto pubblico affinché non siano più vincolate ai confini territoriali dei Comuni.

Cosa possiamo fare noi?
Già raccolte 11.000 firme per dire NO alla soppressione degli autobus z225 e z227
Domenica 26 marzo una biciclettata sui percorsi dei pullman per ribadire il nostro NO alla soppressione delle linee e SI alla tariffazione integrata.