sabato 25 febbraio 2017

Che fine farà il Plis Brianza Centrale?

L'Amministrazione comunale di Seregno opta per la gestione autonoma del PLIS Brianza Centrale evitando l'aggregazione con gli altri Parchi Regionali. Sulla questione pubblichiamo un intervento del Comitato Tutela Ambiente e Salute.

L’aggregazione avrebbe portato ad una maggior tutela del Plis e ad una maggior sinergia nella sua gestione anche in un’ottica di una sua espansione.
Facendo parte di un consorzio forse sarebbe stato più difficile stendere delle Linee Guida per il piano particolareggiato e del programma pluriennale degli interventi del Plis Brianza Centrale che attualmente prevedono ad esempio, nel caso di insediamenti di tipo produttivo nel Parco o adiacenti, la possibilità di rettifica (in riduzione) del perimetro del Plis per consentire lo sviluppo delle attività lavorative e occupazionali.
Sicuramente non si sarebbe commesso “l’errore” di tentare di stralciare dal Plis l’area di proprietà Ecosan , pur sapendo che tale area è ricompresa in Rete Verde di ricomposizione paesaggistica e che una sua trasformazione in ambito industriale avrebbe comportato una totale cesura del corridoio ecologico.
Da notare che nella Vas (Valutazione Ambientale Strategica) utilizzata dal Comune per il Pgt, veniva già evidenziata una forte compromissione del sistema di connessione tra le aree verdi del comune a causa dell’elevato grado di frammentazione delle aree verdi, con ripercussioni negative sugli schemi di rete ecologica sia a scala locale che sovracomunale. Nonostante questo il Comune ha tentato uno stralcio dal Plis proprio di un’area fortemente strategica da questo punto di vista.
Ci auguriamo che la scelta di proseguire nella gestione autonoma del Plis, unitamente al nuovo piano particolareggiato e alla futura variante Pgt siano finalizzate soltanto a far fronte alle criticità ambientali indicate anche nella Vas :
  • Abbassamento del livello della falda freatica dovuto dalla forte i mpermeabilizzazione
  • Elevata urbanizzazione e impermeabilizzazione del suolo (60%)
  • Scarsa presenza di aree boscate
  • Frammentazione aree verdi/rete ecologica 
Comitato Tutela Ambiente e Salute di Seregno 

Il Cittadino, 18 febbraio 2017

giovedì 16 febbraio 2017

L'antica via della Valle del Cosia


di Luigi Perego

Numerose amministrazioni ed associazioni della Brianza e del Comasco propongono un’escursione guidata lungo l’antica via della Valle del Cosia fra il comune di Tavernerio e Camnago Volta, frazione di Como. Questa escursione è il proseguimento dei cammini già sperimentati nel 2016 nell’ambito del progetto Antica Via Longa fra i territori di Urago, Montorfano, Orsenigo, Alzate Brianza, Lurago d’Erba ed Inverigo. Scopo del progetto è stimolare la ricerca storica delle comunità locali e valorizzare il loro patrimonio di monumenti, luoghi naturali e tradizioni creando un fil rouge che leghi i territori addossati al tracciato dell’Antica Via Longa, l’ipotizzabile strada maestra che collegava Como con Bergamo (attraversando il Lambro presso Gaggio a Nibionno e l’Adda a Brivio) per poi proseguire verso Aquileia.

Tornando alla nostra escursione, per molti secoli persone e merci sono passate per Tavernerio e la Valle del Cosia con varie destinazione come Como, Erba-Incino, il Triangolo Lariano e la Brianza. Lo stesso toponimo ‘Tavernerio’, indica luogo di sosta e di ‘taberne’, solitamente situate lungo trafficate vie di comunicazione. Il percorso lascia i morbidi e ancora sorprendenti paesaggi della Brianza per inoltrarsi nei primi rialzi montani delle Prealpi Comasche. Si incontrano chiese, ville, corti, mulini, boschi e aree naturalistiche con corsi d'acqua.  Sono luoghi poco noti e ancor meno frequentati, ma incredibilmente ricchi di storia e fascino. Basta ricordare che nei territori ancora agresti si può incontrare la vite maritata all’olmo di pliniana memoria. Ed ancora, nella frazione di Ponzate vi è la chiesa con l’evocativa dedicazione a santa Brigida d’Irlanda. Durante il percorso alcune guide proporranno una lettura storica e paesaggistica inusuale di quest’area ai confini fra la Brianza di tradizione ambrosiana ed i territori di antica appartenenza alla Diocesi di Como.

L’iniziativa è rivolta a chi per lavoro o per passione è interessato alla storia del territorio ed alla cultura locale, senza dimenticare il fondamentale coinvolgimento della scuola e delle nuove generazioni. Gli organizzatori credono che questa escursione, oltre a quelle in programma o già effettuate, siano significative occasioni per promuovere il territorio e far emergere conoscenze, ora frammentarie e disperse.

La partenza è per domenica 26 febbraio 2017 ore 8:00 a Tavernerio presso la chiesetta di San Fereolo con rientro alle ore 12.30 circa nelle vicinanze del punto di partenza. Le aree di parcheggio consigliate sono visionabili sul sito del comune di Tavernerio www.comune.tavernerio.co.it. Il percorso si snoda per 7 Km circa e si consiglia di indossare calzature ed indumenti adeguati ad un’escursione campestre invernale.

L'iscrizione alla passeggiata è gratuita e consigliata e può effettuarsi presso la Biblioteca di Tavernerio in via Risorgimento 21, tel. 031 428168 oppure tramite sito ufficiale del Comune di Tavernerio nella pagina 'Eventi e News'. Per motivi logistici gli organizzatori si riservano di limitare il numero delle iscrizioni.

Di seguito sono riportati orari e luoghi dell’escursione:

Ore 8:00 ritrovo alla chiesetta di San Fereolo.
Presentazione dell’escursione con fotografie e pannelli.
Visita parziale della chiesa di san Fereolo e dei suoi affreschi. La dedicazione a questo santo pare di origine carolingia. Curiosamente nel passato fu luogo di pellegrinaggio di fedeli dall’intera Brianza.

Ore 9:15 passaggio presso il ponte sul Torrente Cosia nei luoghi dell’alluvione.
Antichi cortili del borgo di Tavernerio.
Visita ai luoghi della terribile alluvione del 1951 che causò 16 morti.
Salita panoramica lungo la scalinata Guido Frangi.

Ore 9:45 area del distrutto “castrum” di Tavernerio.

Visita alla chiesa di San Martino dalla cui scalinata si dominano magnificamente la Brianza, il Comasco e le Alpi.
Si potranno intravvedere i giardini di Villa S. Maria (denominata anche Villa Lambertenghi o Bossi) nella cui area sorgeva il castello medievale di Tavernerio.
Nell’area antistante la chiesa di San Martino sono visibili sulle pietre alcune ‘tavole a mulino’, gioco antichissimo da scacchiera.

Ore 10:30 alla ‘Pieterina’.
Si percorrerà per un tratto su via IV Novembre per arrivare alla ‘Pieterina’, luogo simbolico dove nei secoli passati Tavernesi e Solzaghesi si riunivano per prendere decisioni in comune.
Proseguendo lungo la Via Manzoni sino alla località e parco Casarga.

Ore 11:00  dalla Cascina S.Bartolomeo a Camnago Volta (Como).
Imbocco della via Ravanera presso la cascina S. Bartolomeo, già sede di omonima chiesa annessa all’abbazia comasca di S. Giuliano.
Visita alla seicentesca chiesa di San Francesco.
Passaggio nei pressi della Villa Campora, in cui il grande scienziato Alessandro Volta studiò l’elettricità statica. La Villa è sita non lontana dal Tempietto dove riposano le sue spoglie, presso il cimitero di Camnago, luogo di pellegrinaggi da parte di studiosi e accademici.
Visita all’antico Mulino Beretta con i suoi ingranaggi lignei. Il mulino è sito nella bassa Valle del Parco della Valle del Cosia da cui proseguendo, lungo la via Panillani si giungeva, secondo documenti antichi, al piccolo hospitale di San Martino, gestito dal Capitolo della Cattedrale e poi dall’Ordine degli Umiliati.

Ore 12:00 ritorno lungo la dismessa vecchia Via del Tram.
Salita lungo la vecchia Via del Tram (che fino agli anni ‘50 congiungeva Como con Lecco via Erba) da cui si staccano i molti sentieri di interconnessione con Ponzate e con l’antica frazione di Casina nel cui nucleo storico sono presenti un portale con formelle quattrocentesche in cotto, l’oratorio seicentesco ed una villa che ha sedimentato varie fasi storiche.
Lungo la ‘Riviera di Tavernerio’, la Via del Tram proporrà scorci naturalistici di pregio come il passaggio sulle cascate del Bottino, la vista della Valle del Cosia e lo sguardo verso la Torre del Baradello.

Ore 12:30 conclusione dell’escursione presso la radura del ponte dei Bottini.

Meda: tre serate sui diritti naturali con il Comitato per il Pasrco Regionale della Brughiera


a cura del COMITATO PER IL PARCO REGIONALE DELLA BRUGHIERA

Vi invitiamo a partecipare martedì 21 febbraio 2017 al primo appuntamento che ci vede protagonisti all'interno dell'iniziativa "Idee in moviemento 2016/17" - presso la MEDATECA a Meda (MB) in via Gagarin, 13   Auditorium piano -2.

E' la terza edizione del progetto che vede il patrocinio del Comune di Meda ed è organizzato dalla Medateca e dalle associazioni di Meda a cui, anche quest'anno, partecipa il Comitato per il Parco Regionale della Brughiera.

Il tema scelto per questa edizione è: “DIRITTI e ROVESCI”

Questi sono i nostri appuntamenti in programma di cui alleghiamo anche la locandina a cui abbiamo dato un titolo generale "DIRITTI NATURALI":
  • Martedì 21 febbraio 2017 ore 20,45 proiezione del film-documentario “13 variazioni su un tema barocco” di A. Gagliardo, A. Longo, C. Consoli.
  • Sabato 25 febbraio 2017 ore 16,00 incontro sul tema: "Vivere la Brughiera" - Esperienze a confronto.
  • Martedì 28 febbraio 2017 ore 20,45 proiezione del documentario “L'estate dell'Orso Polare” di Klaus Scheurich.
SIETE TUTTI INVITATI A PARTECIPARE ALLE PROIEZIONI E A CONDIVIDERE CON NOI ANCHE L'INIZIATIVA CHE ORGANIZZEREMO SABATO POMERIGGIO.

Presso la sede della Medateca in via Gagarin n°13 a Meda (MB), è possibile ritirare il programma cartaceo completo di tutto il programma (vedi orari biblioteca) oppure andate sul nostro sito e scaricate il programma stesso.

mercoledì 15 febbraio 2017

Le quattro stagioni della Brughiera Briantea fanno tappa a Seregno


Appuntamento imperdibile giovedì 16 febbraio 2017, alle 21, per gli amanti dell’ambiente nella sala Cardinale Minoretti, interna al Centro pastorale Monsignor Ratti di via Cavour 25, dove Vittorio Orsi, già consigliere del Gruppo Naturalistico della Brianza e protagonista di corsi nelle scuole o trasmissioni televisive dedicate alla natura,  proporrà la proiezione di due video di sua produzione, il primo dal titolo “Le quattro stagioni della Brughiera Briantea”, girato tra Meda, Cabiate, Lentate sul Seveso e Mariano Comense, che ha il merito di approfondire la conoscenza del contesto naturale che ci circonda, il secondo dal titolo “Acipenser Naccarii”, che è incentrato invece sullo Storione Cobice dell’Adriatico. L’iniziativa, ad ingresso libero, è stata promossa dal Circolo culturale San Giuseppe.

sabato 11 febbraio 2017

Seregno: le associazioni si uniscono per tutelare il quartiere Sant'Ambrogio

Rendering del centro commerciale di cui è prevista l'edificazione nel quartiere Sant'Ambrogio di Seregno
Otto associazioni seregnesi (ACLI, Comitato di quartiere Sant'Ambrogio, Comitato per l'ampliamento del Parco Brianza Centrale, Associazione Casa della Sinistra, Dare un'anima alla città, Osservatorio PTCP, Legambiente, WWF) hanno unito i loro sforzi per presentare al Comune di Seregno le proprie osservazioni per migliorare la vivibilità e le condizioni di traffico nel quartiere Sant'Ambrogio.

Le nuove osservazioni sono state suddivise in tre gruppi:
che di seguito vi proponiamo.



Parco delle Groane: giornata formazione LIFE 2020 all'Oasi Lipu


Dentro il Parco 2017 - Escursioni guidate per scoprire le bellezze del Parco della Valle del Lambro

Saranno ancora una volta le GEV a guidare bambini e adulti lungo percorsi che si sviluppano all’interno delle aree più belle del Parco e che illustreranno aspetti naturalistici, ecologici, storici, culturali ed architettonici del territorio, con un calendario di appuntamenti che vi accompagnerà dal 12 marzo al 1° ottobre.

CALENDARIO DELLE USCITE
a cura delle GEV del Parco Valle Lambro.
Per alcune uscite, alle guardie ecologiche volontarie si affiancheranno esperti esterni.


Domenica 12 marzo, ore 9
Ville storiche, mulini e filande nel tratto triuggese del Lambro

Iscrizioni dal 13 febbraio
Ritrovo: parcheggio presso il ristorante Fossati di Canonica Lambro, via Emanuele Filiberto
Durata 3h 30’
Le Guardie Ecologiche Volontarie del Parco valle del Lambro presentano il programma 2017 di Dentro il Parco, con 22 appuntamenti da non perdere per scoprire le bellezze del Parco della Valle del Lambro.

L'escursione affronta una pluralità di tematiche, culturali, storico-etnografiche e paesaggistiche in uno dei luoghi più peculiari della Brianza, uno degli esempi più significativi della connessione tra ambiente urbano e naturale all’interno del Parco della Valle del Lambro.
Lungo le sponde del tratto intermedio del fiume, nel tratto tra Canonica e ponte Albiate, si trovano numerose Ville patrizie, Mulini e Filande, splendidi esempi dell’architettura industriale di queste terre tra cui lo storico “Mulino Bassi” di Sovico. Durante l’escursione osserveremo la flora primaverile e percorreremo il sentiero “Roggia del Principe” con l’obiettivo di conoscere e interessarci all’ambiente naturale, alla qualità delle acque e più in generale alla condizione del nostro amato fiume Lambro. L’escursione è adatta a tutti, adulti e bambini (anche con passeggino). Lungo i sentieri che percorreremo non si trovano né bar né servizi igienici.
Partenza e arrivo dal parcheggio presso il ristorante Fossati di Canonica Lambro, in via Emanuele Filiberto. Ritrovo ore 09.00, ritorno previsto per le 12.30.


Domenica 19 marzo, ore 9
Fiori di primavera nella valle del Pegorino

Iscrizioni dal 20 febbraio
Ritrovo: parcheggio presso il ristorante Fossati di Canonica Lambro, via Emanuele Filiberto
Durata 3h 30’.

Il percorso inizia alla foce del Rio Pegorino nel fiume Lambro, all’altezza del cartello indicante Gerno, strada provinciale Seregno-Arcore: è qui che si apre la valle attraversata dal Rio Pegorino che lambisce nella parte bassa i comuni Gerno di Lesmo e Canonica di Triuggio. Sono le fioriture presenti che la fanno da padrone, lungo la gran parte del percorso. Dopo un primo tratto pianeggiante e parallelo al letto del torrente, il sentiero si alza rapidamente fino a raggiungere il piano dei campi che separano la valle principale da una piccola convalle; già in questo tratto è possibile ammirare le splendide corolle della ricca varietà di fiori che annunciano l’imminente primavera. Nella parte mediana del nostro percorso, il sentiero corre fra il letto del torrente ed affascinanti affioramenti di ceppo alla base dei quali si possono ammirare le ricche fioriture. L’escursione si conclude verso le 12 presso la cascina in località Zuccone Franco dove è ancora attiva una vecchia tradizionale osteria. Da qui si farà ritorno al luogo di partenza lungo il medesimo sentiero.
Il percorso, se si escludono alcuni saliscendi a volte un poco ripidi, non presenta particolari difficoltà e, pertanto, è adatto a tutti, bambini compresi (no passeggini). Sono raccomandate idonee calzature per la possibile presenza di tratti con terreno umido: ideale (anche se non indispensabile) un comodo paio di scarponcini.


Domenica 26 marzo, ore 9
In bici nel Parco di Monza

Iscrizioni dal 27 febbraio
Ritrovo: Porta di Monza - viale Brianza, angolo viale Cavriga
Durata 3h 30’
Possibilità di noleggio biciclette in loco.

Un itinerario in bicicletta alla scoperta di aspetti storici e naturalistici del Parco di Monza. Si narreranno alcune vicende storiche accadute prima che il Parco venisse istituito, verrà descritta l’importanza dell’utilizzo agricolo dei terreni e le strutture ad esso legate (cascine, stalle..); a far da filo conduttore sarà l’acqua, e le ricchezze ad essa legate, all’interno del Parco: le risorgive, le marcite, i fontanili, le rogge, i mulini.
Escursione adatta a tutti con MTB o city bike: il percorso è pianeggiante, le strade sono asfaltate, qualche sentiero si presenta sterrato ma è percorribile senza alcuna difficoltà.
Partenza e arrivo alla Porta di Monza (Incrocio Viale Brianza - Viale Cavriga).
Partenza ore 9.00, arrivo alle 12.30 circa, soste comprese.
E’ possibile noleggiare le biciclette, che verranno consegnate alla porta Monza del Parco (Viale Cavriga), prenotando a PBS Team con le seguenti modalità:

  • la prenotazione delle biciclette deve avvenire entro la sera del giovedì precedente l'uscita, specificando il numero e la taglia delle biciclette necessarie, eventuali caschetti (obbligo per minori) e/o seggiolini per bimbi (portata max 20 kg)
  • per il noleggio delle biciclette inviare una mail a mtb@pbsteam.eu specificando le proprie necessità; non si accettano prenotazioni telefoniche. Per info e chiarimenti è però possibile contattare l'info point anche telefonicamente (dalle 10.00 alle 18.00): 039.2489590 - 334.7068137
  • le bici noleggiate verranno consegnate a partire dalle 8,30 il giorno sesso dell'uscita. Per noleggiare occorrerà compilare l'apposito modulo e depositare un documento d'identità in corso di validità (in caso di nuclei famigliari basta un solo documento)
  • il costo per il noleggio è quantificato in 2,00 €/ora.

Venerdì 7 aprile, ore 21 - Triuggio

Ascoltando i rapaci notturni
Iscrizioni dal 13 marzo.
Ritrovo: parcheggio del Bosco del Chignolo - via Diaz
Durata 2h.

Le serata vuole illustrare le caratteristiche biologiche ed etologiche dei rapaci notturni presenti nel Parco. Dopo un’introduzione al tema, in cui sono illustrate le specie presenti e le loro caratteristiche, ci si avvierà lungo un breve percorso ad anello sui sentieri del bosco del Chignolo, con emissione di richiami delle diverse specie, in attesa delle risposte dei rapaci presenti.
L'escursione è adatta a tutti (no bambini con passeggino).
Partenza e arrivo dal parcheggio del bosco del Chignolo via Diaz (da Triuggio -  in direzione Tregasio – a destra dopo la località Montemerlo e prima del semaforo). Ritrovo ore 21, ritorno previsto per le 23.
Si raccomanda un abbigliamento adeguato al clima serale ed alle condizioni metereologiche, con scarponcini o scarpe da ginnastica robuste ed impermeabili.


Venerdì 21 aprile, ore 21 - Monza
Ascoltando i rapaci notturni

Iscrizioni dal 27 marzo
Ritrovo: Porta di Monza - viale Brianza, angolo viale Cavriga
Durata 2h.
La serata vuole illustrare le caratteristiche biologiche ed etologiche dei rapaci notturni presenti nel Parco. Dopo un’introduzione al tema, in cui sono illustrate le specie presenti e le loro caratteristiche, ci si avvierà lungo un breve percorso ad anello sui sentieri del parco di Monza, con emissione di richiami delle diverse specie, in attesa delle risposte dei rapaci presenti.
L'escursione è adatta a tutti. Si raccomanda un abbigliamento adeguato al clima serale ed alle condizioni metereologiche, con scarponcini o scarpe da ginnastica robuste ed impermeabili.
Partenza e arrivo dall'ingresso del parco presso la Porta del Parco di Monza Viale Brianza / Viale Cavriga. Ritrovo ore 21, ritorno previsto per le 22.30 / 23.00.


Domenica 23 aprile, ore 9
Anzano del Parco: il borgo ed il parco di Villa Carcano

Iscrizioni dal 27 marzo.
Ritrovo: Parcheggio nei pressi del Centro Sportivo, via Valera
Durata 3h 30'.

Venerdì 5 maggio, ore 21 - Triuggio
Ascoltando i rapaci notturni

Iscrizioni dall'10 aprile
Ritrovo: Parcheggio del Bosco del Chignolo - via Diaz
Durata 2h.

Domenica 7 maggio, ore 9
Mini-trekking nel Parco: 20 km attorno all’Oasi di Baggero, lungo sentieri collinari, tra la natura e le opere realizzate dall’uomo

Iscrizioni dal 3 aprile.
Ritrovo: Parcheggio presso l’Oasi di Baggero, Merone fraz. Baggero, via C. Battisti
Durata 8h.

L'escursione offre spunti per apprezzare il territorio da un punto di vista paesaggistico con cenni ambientali, geologici, storici e culturali.
Il percorso è privo di particolari difficoltà (alt. min 240, alt. max 290, pendenza max per piccoli tratti 20%), ma per la durata temporale e lo sviluppo chilometrico è poco adatta a bambini ed adulti senza allenamento o con problemi fisici.
Il percorso si sviluppa secondo 3 anelli che partono dall'Oasi di Baggero. La mattina dalle 09:15 alle 12:30 circa, si svilupperà la prima parte dell'escursione (circa 9.0 km) lungo i comuni di Costa Masnaga (Parco Cava di Brenno,Torre Camesasca), Lurago d'Erba (lungo la pista ciclo-pedonale), Merone, con arrivo presso l’Oasi di Baggero. Da qui si partirà per la fase centrale dell'escursione (circa 2.5 km) dalle 12:30 alle 13:30, lungo il percorso ad anello che si sviluppa attorno i laghetti dell’Oasi stessa. In seguito, dalle 13.30 alle 14.30 circa, si effettuerà la sosta pranzo (pranzo al sacco; possibilità di servizio bar / tavola fredda presso il ristoro del Centro Parco Oasi - possibilità servizi igienici).
La terza parte dell'escursione (circa 8.5 km), prevista tra le 14:30 e le 17:00 circa, prevede il trasferimento con mezzi propri presso il Lago di Pusiano (Rogeno), da cui si proseguirà lungo le rive del lago sino a visitare il “Cavo Diotti” (Merone), la diga diù antica d'Italia gestita dal Parco per regolare il ivello del lago e del fiume Lambro.
Se qualcuno si trovasse in difficoltà a completare il percorso, la seconda e terza fase possono essere non effettuate, dal momento che i singoli percorsi ad anello hanno come luogo di partenza/arrivo l’Oasi di Baggero.
E' consigliato il classico abbigliamento da escursione, adeguato alle condizioni metereologiche previste: calzature da trekking o scarponcini leggeri ed abbigliamento a strati.


Venerdì 12 maggio, ore 21
Ascoltando i rapaci notturni - Monza

Iscrizioni dal 18 aprile.
Ritrovo: Porta di Monza - viale Brianza, angolo viale Cavriga
Durata 2h.

Domenica 14 maggio, ore 9
Parco di Monza: acque dei giardini della Villa Reale

Iscrizioni dal 18 aprile.
Ritrovo: Porta di Monza - viale Brianza, angolo viale Cavriga
Durata 3h 30'.

Venerdì 19 maggio, ore 21
Sabato 20 maggio, ore 21
Serata con le lucciole - Monza
Iscrizioni dal 26 aprile.
Ritrovo: Porta di Monza  - viale Brianza, angolo viale Cavriga
Durata 2h.

Prima di incamminarci nel Parco, le GEV daranno ai presenti alcune informazioni sulle lucciole, sia dal punto di vista scientifico che poetico.
Seguirà una semplice passeggiata nei boschi del Parco e attorno al laghetto, reso magico dalla visione di queste rare, affascinanti e romantiche stelline volanti.
Si raccomanda abbigliamento adeguato per passeggiate notturne nei boschi, pantaloni lunghi onde evitare le dolci carezze di rovi ed ortiche, calzature adatte per terreni sterrati; utile portare delle torce elettriche da usare con moderazione e secondo le indicazioni delle GEV e… tanto tanto silenzio.
L'escursione è adatta a tutti. Si raccomanda un abbigliamento adeguato al clima serale ed alle condizioni metereologiche, con scarponcini o scarpe da ginnastica robuste ed impermeabili.
Partenza e arrivo dall'ingresso del Parco presso la Porta del Parco di Monza Viale Brianza / Viale Cavriga. Ritrovo ore 21, ritorno previsto per le 22.30 / 23.00.


Domenica 21 maggio, ore 9
Sul lago di Pusiano col battello e pranzo in cascina

Iscrizioni dal 26 aprile.
Ritrovo: Piazza Precampell di Bosisio Parini
Durata 8h.

Domenica 21 maggio, ore 9.30
Passi nella natura: ascoltarla per ascoltarsi

Iscrizioni dal 26 aprile.  Partecipazione riservata solo a persone adulte.
Ritrovo: Parcheggio de “Lo Chalet Rock Pub” - Parco di Brenno Costa Masnaga, via S. Ambrogio.
Durata 3h.

L'escursione vuole essere un’occasione per addentrarci nella natura in silenzio, concentrandoci sugli aspetti emozionali e cercando di cogliere con tutti i sensi i messaggi che l’ambiente ci offre. Lo stress invade la nostra vita. A volte anche quando siamo in natura ci lasciamo prendere dalla smania “di fare”... dobbiamo fare 600 m di dislivello se siamo in montagna, o 50 Km di camminata se partecipiamo ad un trekking, senza magari accorgerci di ciò che abbiamo intorno.
Raramente ci lasciamo guidare dai nostri sensi per gustare quello che ci sta attorno. Anche dietro casa ci può essere un mondo meraviglioso, basta saperlo vedere, respirare, sentire, annusare: il nostro benessere è anche questo. Non vogliamo darvi nozioni, ma suscitare sensazioni: raggiungeteci, vi stiamo aspettando!


Venerdì 26 maggio, ore 21
Sabato 27 maggio, ore 21
Serata con le lucciole - Triuggio

Iscrizioni dal 2 maggio.
Ritrovo: Parcheggio della stazione di Triuggio, via Dante
Durata 2h.

Prima di incamminarsi, i presenti faranno conoscenza con le lucciole, sia dal punto di vista scientifico che poetico.
Seguirà  una semplice passeggiata nei boschi di Triuggio, resi magici e fatati dalla visione di queste rare, affascinanti e romantiche stelline volanti.
Si raccomanda abbigliamento adeguato per passeggiate notturne nei boschi, pantaloni lunghi onde evitare le dolci carezze di rovi ed ortiche, calzature adatte per terreni sterrati; utile portare delle torce elettriche da usare con moderazione e…tanto tanto silenzio.
L'escursione, lungo sentieri sterrati con qualche saliscendi, è adatta a tutti (no bambini piccoli o con passeggino).
Ritrovo al parcheggio della stazione di Triuggio, via Dante ore 21, ritorno previsto per le 22.30/23.00.


Domenica 28 maggio, ore 9
Il lago di Alserio e il bosco della Buerga con picnic a Casin del lago

Iscrizioni dal 2 maggio.
Ritrovo: Parcheggio del cimitero di Alserio, via don Guanella
Durata 7h.

L’escursione in uno dei luoghi maggiormente rappresentativi della Brianza, in cui natura e cultura si completano armoniosamente, descriverà aspetti geologici, floristici, storico-etnografici, culturali e paesaggistici.
Si partirà a piedi con destinazione i Giardini a lago di Alserio; successivamente il gruppo si dividerà: chi vorrà effettuare la traversata del lago, si imbarcherà sulla barca “Amicizia” con arrivo previsto a Casin del Lago, ove è presente il Centro di Educazione ambientale del Parco “Bambini di Beslan”. Chi non gradisce effettuare il giro in barca percorrerà a piedi il sentiero che costeggia la sponda sud del lago fino al ricongiungimento con chi arriverà via lago.
Da Casin del Lago ci si porterà all’interno del bosco della Buerga, e più precisamente nella zona della riserva naturale orientata, lungo un percorso ad anello che riporterà a Centro di Educazione ambientale entro le ore 12:30. A seguire picnic a Casin del Lago con successive 2 ore di svago. Non essendoci servizio bar, si raccomanda di portare con sé cibi e bevande. Sarà possibile usufruire dei servizi igienici.
Alle ore 15:00 partenza per rientrare al punto di partenza, percorrendo il sentiero che costeggia il lago.
L’escursione è adatta a tutti (no bambini piccoli o con passeggino). Sono sufficienti scarpe da ginnastica se il terreno fosse ben asciutto; in caso di pioggia nei 2 giorni precedenti, indossare scarpe da trekking o scarponcini.
Partenza e arrivo da Alserio, Via Don Guanella (parcheggio del cimitero). Ritrovo ore 9.00, ritorno previsto per le 16.00.


Venerdì 9 giugno, ore 20:30
Parole e musica dal tramonto del sole al sorgere della luna

Iscrizioni dal 15 maggio.
Ritrovo: Parcheggio del cimitero di Monguzzo, via Giovanni XXIII
Durata 2h 30’.
In caso di maltempo l’iniziativa sarà rinviata a domenica 9 luglio

Domenica 11 giugno, ore 9
Rancate di Triuggio: la chiesa-museo di S. Maria Assunta e la valle del torrente Brovada

Iscrizioni dal 15 maggio.
Ritrovo: Parcheggio di Villa Biffi, via S. Biffi, Rancate di Triuggio.
Durata 3h 30’.

Domenica 10 settembre, ore 9
Arte, storia e natura a Inverigo

Iscrizioni dal 21 agosto.
Ritrovo: Parcheggio del cimitero di Inverigo, via IV Novembre
Durata 3h 30’.
a cura delle GEV del Parco Valle Lambro e con la preziosa collaborazione dell'Associazione Orrido di Inverigo, dell'Associazione le Contrade e della Cooperativa REA.

Con l'apertura delle proprietà private dell'area "Ex Victory" sarà possibile visitare un territorio straordinario e ricco, dal punto di vista naturalistico e storico-architettonico. Il programma prevede di visitare la chiesetta del Navello, il viale dei Cipressi e l’Orrido di Inverigo con le sue sorgenti pietrificanti.
Il ritrovo è fissato alle ore 9.00 al parcheggio del cimitero di Inverigo - Via IV Novembre. Il rientro è previsto per le ore 12.30 circa.
L’escursione è adatta a tutti, adulti e bambini. Si fa notare che lungo il percorso non si trovano né bar né servizi igienici, e quindi di regolarsi di conseguenza. Si raccomanda di indossare scarpe da trekking robuste ed impermeabili ed un abbigliamento a strati.


Domenica 24 settembre, ore 9
Montorfano: un monte, un lago, un paese e un po’ di storia

Iscrizioni dal 28 agosto.
Ritrovo: Parcheggio del cimitero, via Molino
Durata 3h 30’.

Domenica 1 ottobre, ore 9
Sulla ciclabile del Parco in bicicletta: dal Parco di Monza ad Agliate

Iscrizioni dal 4 settembre.
Ritrovo: Porta di Monza - viale Brianza, angolo viale Cavriga
Durata 3h 30’ / 4h.

Un'escursione dal respiro naturalistico e paesaggistico che vuole percorrere una delle piste ciclopedonali del Parco alla scoperta del suo fiume con i caldi colori d’inizio autunno (www.leviedelparco.it).
Dalla Porta Monza si procede sulle strade asfaltate del parco verso la collinetta e l’Autodromo, per poi dirigersi verso cascina Costa Bassa e l’uscita di Biassono, da cui si imbocca la ciclabile vera e propria. Oltrepassato il centro sportivo di Biassono, ci si dirige verso la stazione di Biassono Parco- Lesmo.  Superato il passaggio a livello inizia lo sterrato, lungo il quale si raggiunge Canonica Lambro. Da qui in breve ci  si porta a Mulino Saletti a Triuggio, a Mulino Bassi di Sovico e, dopo aver passato ruderi di vecchi stabilimenti tessili, a Ponte Albiate.
Un breve tratto in ripida salita ci porta ad Albiate e da qui, costeggiando la piana di Albiate e Carate, raggiungiamo Cascina S’Antonio dove la ciclabile si riabbassa raggiungendo il Lambro. Si arriva a Realdino, con le sue famose storiche grotte, per giungere finalmente Agliate nei pressi della Basilica e il Battistero. Dopo una breve sosta ritorno per la stessa strada.
L'escursione (32 km tra andata e ritorno) è adatta a tutti coloro che hanno un minimo di allenamento ed abitudine a pedalare su strade sterrate (unico strappo in decisa salita presso Ponte Albiate e Cascina S’Antonio). Sono necessarie MTB (no city-bike) ed adeguata attrezzatura per percorsi fuori strada (caschetto, guanti, occhiali e attrezzatura minima per eventuale foratura gomme). Vista la lunghezza, potrebbe risultare poco adatta a bambini di età inferiore a 10 / 12 anni.
L’uscita sarà effettuata pedalando a bassa velocità per ammirare il panorama che ci circonda.
E’ possibile noleggiare le MTB, che verranno consegnate alla porta Monza del Parco (Viale Cavriga), prenotando a PBS Team con le seguenti modalità:

  • la prenotazione delle biciclette deve avvenire entro la sera del giovedì precedente l'uscita, specificando il numero e la taglia delle biciclette necessarie, eventuali caschetti (obbligo per minori)
  • per il noleggio delle biciclette inviare una mail a mtb@pbsteam.eu specificando le proprie necessità; non si accettano prenotazioni telefoniche. Per info e chiarimenti è però possibile contattare l'info point anche telefonicamente (dalle 10.00 alle 18.00): 039.2489590 - 334.7068137
  • le bici noleggiate verranno consegnate a partire dalle 8,30 del giorno dell'uscita. Per noleggiare occorrerà compilare l'apposito modulo e depositare un documento d'identità in corso di validità (in caso di nuclei famigliari basta un solo documento)
  • il costo per il noleggio è quantificato in 2,00 €/ora.

Per scaricare il programma in formato pdf cliccare qui.

COSTI: tutte le escursioni sono gratuite. I posti sono limitati, è necessaria la prenotazione.
COME ADERIRE: E’ richiesta l’iscrizione, da parte di ciascun nucleo familiare, che può essere effettuata dalle date indicate nel programma sino alle ore 12 del Venerdì precedente ciascuna iniziativa, tramite:

  • e-mail:  eventi@parcovallelambro.it ; nella mail di richiesta specificare un cognome per ciascun nucleo familiare, il numero di persone (bambini /adulti), il Comune di provenienza, un recapito telefonico ed un indirizzo e-mail a cui confermare l'iscrizione e inviare tutti i dettagli organizzativi.
  • telefono 0362.970961 int. 2
NON si accettano prenotazioni per gruppi.
 

IN CASO DI MALTEMPO, LE USCITE SONO ANNULLATE
 

Le iniziative si svolgeranno in luoghi all’aperto e nei boschi.
Consigliamo un abbigliamento idoneo. Il Parco non si assume nessuna responsabilità per danni a persone o a cose.
I bambini devono essere accompagnati