sabato 26 settembre 2020

Tetti aperti in Brughiera


Crollato il tetto della Ca’ Noeva a Mariano Comense.
 

di Roberto Cerati, Gruppo Naturalistico della Brianza
e Tiziano Grassi, Comitato Parco regionale delle Groane e della Brughiera


Triste comunicazione in questo settembre 2020, per chi frequenta e passeggia per i boschi della Brughiera: è crollato il tetto della Ca’ Noeva. Un piccolo edificio, nel bosco di pino Silvestre a Mariano Comense, dove si praticava fino alla metà del secolo scorso la raccolta della resina. L’edificio è una testimonianza materiale che racconta di mestieri scomparsi, di attività economiche locali del passato. La resina era raccolta per ricavare la trementina, un solvente usato per produrre vernici, per ammorbidire la cera d’api che i mobilieri della zona impiegavano nella lucidatura dei mobili, e per la pulizia dei pennelli. Inoltre si annoverano anche alcuni impieghi della resina in campo erboristico e per prodotti farmaceutici.

 


Negli anni '80 alcuni volontari ambientalisti del Gruppo Naturalistico Marianese (di cui faceva parte anche il maestro Marino Barzaghi scomparso a inizio anno) con il benestare della proprietà, che allora era il conte Besana, si erano presi cura del sito ristruttu rando con pochi mezzi l'edificio e l'area circostante. Era stata sistemata e recuperata anche la meridiana posta sul fronte dell'edificio che ancora oggi, a fatica, si intravvede. La struttura ha resistito fino ad oggi per quasi quarant'anni.

Nel 2018 abbiamo proposto al Parco di stendere una convenzione con la proprietà per la gestione forestale del bosco attorno alla Ca’ Noeva e all'Amministrazione Comunale di sostenere la proposta verso la proprietà, studiando insieme come salvare anche l’edificio.

 

La proposta preparata dal Gruppo Naturalistico della Brianza e dal Comitato per il Parco, con l’avvallo dell’Amministrazione Comunale e il contributo tecnico del Parco delle Groane e della Brughiera, prevede un recupero forestale dell’area boschiva attorno alla Ca’ Noeva e una sistemazione della struttura per uso didattico rivolto alle scuole nonché la sua valorizzazione come testimonianza di storia locale lungo il percorso del sentiero Meda - Montorfano. Il tutto previo accordo con la proprietà che nei primi contatti dichiarava di voler tenere in conto le sensibilità locali.

 

Sono passati quasi tre anni e nulla è successo. Anzi no, qualcosa è successo: è crollato il tetto!
Purtroppo questo crollo dimostra come parti dei nostri territori vengano troppo spesso dimenticate o lasciate morire.

Ora però ognuno deve fare la sua parte in base alle proprie competenze e possibilità: il Parco, la proprietà e l'Amministrazione Comunale di Mariano Comense. Con l’obbiettivo di recuperare ad una pubblica fruizione l'area circostante all’edificio, è necessario che si siedano ad un tavolo per cercare di salvare a tutti i costi questo tassello importante della storia e della cultura locale.

Noi ci siamo sicuramente se necessario, ma non è possibile aspettare oltre!

Bisogna intervenire subito con una convenzione e con il recupero dell'edificio.


E la ruota torna a girare... in occasione di Ville Aperte in Brianza 2020 il Mulino di Peregallo a Briosco apre ai visitatori


 

In occasione di Ville Aperte in Brianza 2020 il Mulino di Peregallo a Briosco apre ai visitatori per due fine settimana consecutivi:

  • sabato e domenica 26 e 27 settembre
  • sabato e domenica 3 e 4 ottobre


E LA RUOTA TORNA A GIRARE...

Al Mulino Peregallo - via dei Mulini, 4 - Briosco
https://www.ilmulinodelpuo.it/

Visite guidate con prenotazione obbligatoria):
http://www.villeaperte.info/ville-aperte/villa/269
 
Eventi artistici (per info cliccare sul titolo):

Per info tel. 3338024913 (Gabriella)

venerdì 25 settembre 2020

Ottobre all'Oasi Lipu di Cesano Maderno: un intero mese dedicato alla natura, alla bellezza, alla conoscenza e al divertimento

 

PROGRAMMA MESE DI OTTOBRE 2020


Sabato 3 e domenica 4 ottobre – EUROBIRDWATCH 2020

 


 

Come ogni anno, l’evento nazionale Lipu è un’occasione per conoscere meglio le migrazioni e osservare le caratteristiche dei nostri amici alati, ecco gli appuntamenti:
-Sabato 3 ottobre ore 9.30: visita guidata per adulti in area umida.
-Sabato 3 ottobre ore 14.30: attività lungo i sentieri dell’Oasi per famiglie per imparare a conoscere il mondo degli uccelli.
-Domenica 4 ottobre ore 9.30: visita guidata per adulti in area umida.
Durata attività: circa due ore. In caso di pioggia l’evento verrà annullato.
Evento gratuito.

Domenica 11 ottobre – NATURA E SPORT
Un pomeriggio alla scoperta di attività sportive adatte a tutte le età immersi nella biodiversità dell’Oasi.
Dalle ore 15: presentazione a rotazione continua delle discipline di Nordic Walking, Tajchiindo e Yoga.
Durata attività: circa un’ora per ciascuna disciplina. Rivolta ad adulti e bambini dai 6 anni in su.
In caso di pioggia l’evento verrà annullato.
N.B.: Per Yoga ogni partecipante dovrà portare un telo/tappetino personale.
Evento organizzato in collaborazione con “Team Triangolo Lariano” (Nordic Walking), Associazione “Imaka” di Cesano Maderno (Tajchiindo) e Centro Samadhi di Seveso (Yoga).
Evento con donazione: adulti € 8, bambini € 5; gratuito per i Soci Lipu (*).

Sabato 17 ottobre – ALLA RICERCA DI TRACCE

 


 

Ore 10.30: escursione per adulti e bambini (6-11 anni) alla scoperta delle tracce degli animali.
Durata attività: circa due ore. In caso di pioggia l’evento verrà annullato.
Evento con donazione: adulti € 8, bambini € 5; gratuito per i Soci Lipu (*).

Domenica 25 ottobre – CAMMINATA D’AUTUNNO

 


 

Un giro in oasi per scoprire cosa succede agli animali quando si avvicina l’inverno.
ore 10: per adulti e bambini dai 3 ai 5 anni
ore 14: per adulti e bambini dai 6 agli 11 anni
Durata attività: circa due ore. In caso di pioggia l’evento verrà annullato.
Evento con donazione: adulti € 8, bambini € 5; gratuito per i Soci Lipu (*).

Sabato 31 ottobre – HALLOWEEN NEL BOSCO
“Mostri fantastici… (e come riconoscerli)”
Cosa serve per difendersi da un vampiro? Come si diventa un lupo mannaro?...
Dalle ore 17.30: i bambini verranno accompagnati a piccoli gruppi in un percorso itinerante alla scoperta delle creature più spaventose del mondo che forse viste da vicino così paura non fanno.
Evento organizzato in collaborazione con Associazione Culturale “Luna Rossa”.
In caso di pioggia l’evento sarà rinviato a sabato 7 novembre.
Durata attività: circa un’ora.
Evento con donazione: € 10; € 5 per i Soci Lipu (*).

N. B.: L’attività è riservata esclusivamente a bambini dai 6 agli 11 anni.
Gli adulti accompagnatori non potranno partecipare all’attività.

(*) Offerta Speciale per i nuovi Soci “Amico Lipu”, iscrizione valida 6 mesi: € 10 adulti, € 8 junior, € 20 famiglia.
 

Informazioni: OASI LIPU CESANO MADERNO
Via Don Luigi Orione 43, 20811 Cesano Maderno (MB)
tel 0362.546827; e-mail: oasi.cesanomaderno@lipu.it; www.oasicesanomaderno.it; facebook: Oasi LIPU Cesano Maderno; instagram: oasilipucesano

giovedì 24 settembre 2020

Le associazioni ambientaliste del Parco Groane Brughiera: "Vogliamo una maggior tutela dei boschi e del vallone di Brenna"

Sentieri nel Vallone di Brenna





A proposito della dichiarazione del Sindaco del Comune di Brenna, Paolo Vismara pubblicata in un articolo apparso alcuni giorni fa su un quotidiano, in cui il primo cittadino esprime un parere positivo sulla possibilità di annettere le aree del Vallone - Roggia Vecchia al PLIS Zoc del Peric, come associazioni e gruppi ambientalisti ci sentiamo in dovere di esprimere il nostro parere.

 

I BOSCHI E IL VALLONE DI BRENNA DEVONO ENTRARE  NEL PARCO GROANE-BRUGHIERA

 



Non esistono ragioni ecologiche plausibili per la riduzione delle aree protette. Esistono invece logiche di convenienza politico amministrativa per sostenere il contrario. Cosi come esistono condizioni morfologiche, geografiche o idrogeologiche che fanno appartenere un’area ad un determinato sistema ambientale. L’intera fascia verde boschiva, di prati e di valloni ricadente nel comune di Brenna ha tutte le caratteristiche dell’area denominata Brughiera ed è parte di essa.
E’ per questa semplice e scontata motivazione che merita di essere unita a quei territori a verde che sono stati compresi nel Parco Regionale delle Groane e della Brughiera Briantea nel dicembre 2017.


Felce "Piuma di Struzzo" - Vallone di Brenna

Sono queste le ragioni per cui consideriamo sbagliata la proposta di accorpare il vallone della Roggia Vecchia di Brenna ad un’altra area limitrofa, quella del PLIS del Zoc del Peric che ha, con ogni evidenza, caratteristiche ecosistemiche differenti.
Oltretutto, si tratterebbe di una riduzione delle aree verdi protette rispetto alla superficie che prima era destinata a parco, quando ancora il comune di Brenna aderiva al PLIS Brughiera.
Chiediamo che questa volontà di tutelare il territorio, così chiaramente espressa, trovi adeguata e corretta soluzione con l'adesione e l’inserimento di tutte le aree verdi e libere di Brenna nel Parco Regionale.
L’aggregazione parziale di una porzione di territorio a un PLIS creerebbe quella frammentazione che offre l’occasione di nuova edificazione e limita la già difficoltosa sopravvivenza delle biodiversità.
L’inserimento sotto tutela regionale di tutte le aree di Brughiera consentirà comunque anche la connessione del PLIS Zoc del Peric al sistema più ampio dei Parchi Regionali circostanti. 


Erosione del Ceppo Lombardo Vallone Roggia Vecchia

La continua compromissione a causa dell'introduzione di nuove aree di espansione e di nuove strutture viabilistiche concorrono alla disintegrazione degli habitat rimasti... un problema che va ben al di la della semplice copertura di suolo. Esperti hanno analizzato la 'salute' di questi territori considerando la presenza di anfibi, uccelli e mammiferi che, localizzati con specifici sistemi di rilevamento, hanno confermato la necessità di mantenere la continuità di tali aree, unica possibilità per evitare che questo territorio si impoverisca ulteriormente.

La vecchia L.R. 83/86 considerava l'importanza ambientale di quest’area definendola come sistema “unitario per la continuità del bacino idrografico del Seveso - anche in virtù della regimazione e il controllo delle acque - la continuità delle aree boscate e le caratteristiche geomorfologiche e ambientali delle aree in esso ricomprese...” Se invece la scelta è quella di stralciare e separare alcune aree da sottoporre a tutela non possiamo che considerarla riduttiva. 



Ed è importante anche il riconoscimento di Regione Lombardia della valenza ambientale di questi territori attraverso l'attribuzione di RER di 1° livello, cerniera fondamentale per l’omogeneità ecosistemica e per la permanenza della biodiversità in una fascia che connette l'area pedemontana alla pianura. Diviene assolutamente necessaria un’attenzione diversa, una sensibilità differente che punti a garantire concretamente la permanenza delle risorse e una capacità di programmazione che ponga come elemento centrale dell'azione la necessità effettiva e la sua concreta sostenibilità.

 

Attraversamento della Roggia Vecchia


Non si tratta più quindi di guardare all'interno dei propri confini... il territorio e l'ambiente devono essere considerati nelle sue differenti articolazioni e fragili equilibri se vogliamo garantire qualità della vita ma soprattutto permanenza degli ecosistemi, garanzia della complessità ecologica nonché fondamento dei valori del paesaggio. In un momento di grave crisi ambientale come quella che stiamo vivendo con le sue devastanti conseguenze, è nostra responsabilità salvaguardare ogni metro quadrato di suolo. Il suolo è risorsa unica e irripetibile per le funzioni ecologiche: escludere arbitrariamente alcune parti  significa non averne compreso  questi valori  e presta il fianco alla logica che sottende ogni abuso  e che ne giustifica il consumo a suon di lottizzazioni piccole e grandi e opere stradali di ogni sorta.
La strada migliore per la tutela dell’ambiente naturale e degli spazi verdi di Brenna, così come degli altri comuni facenti parte dell’ecosistema Brughiera, deve inevitabilmente essere quella dell’aggregazione al Parco Regionale delle Groane e della Brughiera.

 

Vallone di Brenna

E’ con queste motivazioni che chiediamo al sindaco Vismara di abbandonare l’ipotesi di accorpamento del Vallone al PLIS Zoc del Peric e di riconfermare invece gli impegni che aveva assunto pubblicamente nel marzo 2018 dichiarando di voler tutelare tutte le aree che facevano parte del PLIS Brughiera accorpandole ad un Parco Regionale.

I gruppi firmatari:

  • Amici della Brughiera - Mariano
  • Associazione Volontari Le Contrade - Inverigo
  • Cantù verde, Brughiera e dintorni - Cantù
  • Comitato Parco Regionale Groane-Brughiera
  • Comitato per l'ampliamento del Parco Brianza Centrale
  • Comitato Sentiero Pedemonte
  • Circolo Legambiente di Cantù - Green Station
  • Fridays for Future - Como
  • Gruppo Naturalistico della Brianza - Canzo
  • Il Gambero - Capiago Intimiano
  • L’Ontano - Montorfano
  • Sinistra e Ambiente - Meda
  • WWF Insubria - Groane e Como

mercoledì 23 settembre 2020

Le tante iniziative ottobrine del Sentiero dei Sogni

 

Anche per il mese di ottobre l'Associazione Sentiero dei Sogni  propone un ampio calendario di iniziative, con l'aggiunta di una novità per questa domenica, 27 settembre 2020 (l'impresa sociale Miledù ha organizzato la Festa delle Api, quindi la passeggiata che era stata calendarizzata a San Maurizio è stata spostata al 10 ottobre).

 


Domenica 27 settembre 2020

Ore 10-18 - "Festa delle api", in via Pianazza 9 (Como, località Garzola), organizzata dall'impresa sociale Miledù. L'Associazione Sentiero dei Sogni sarà presente con un banchetto dove potrete trovare i libri, le mappe, il memory e il bracciale della Lake Como Poetry Way, nonché gli anelli con l'effigie di Alda Merini. Info qui Festa delle api

 

 

Domenica 4 ottobre 2020

Ore 11 - Presentazione del libro di Mary Shelley "A zonzo sul lago di Como", con l'intervento di Pietro Berra e Claudia Cantaluppi, parco dei Mosaici di Blevio (frazione Girola , piazzale della chiesa a lago). A seguire, inaugurazione di 7 nuovi mosaici del parco, tra cui uno dedicato proprio a Percy Shelley. Partecipazione gratuita con iscrizione obbligatoria inviando una mail a info@parcomosaici.com

 

Statua di Ugo Foscolo nel parco di Villa del Grumello. Fonte immagine: Wikipedia
 

Domenica 4 ottobre 2020
Ore 16 - "Trovandomi una sera a Grumello. Ugo Foscolo e gli autori della Lake Como Poetry Way", Letture scelte a più voci a cura della nostra associazione Sentiero dei Sogni presso la statua di Ugo Foscolo nel parco di Villa del Grumello. Iscrizioni attraverso la pagina eventbrite di Villa del Grumello, non appena sarà caricato l'evento: https://www.eventbrite.it/o/associazione-villa-del-grumello-30454620440

 


Sabato 10 ottobre 2020

Ore 16 - "AAA Acqua Aria Alberi. San Maurizio da scoprire", passeggiata/reading, ritrovo al Villino Rubini sul piazzale di San Maurizio (Brunate).  Info e iscrizioni qui: http://passeggiatecreative.it/index.php/stec_event/aria-acqua-alberi-san-maurizio/

Cominciamo ad anticiparvi che dal 23 ottobre al 1° novembre tra Villa Omo (Como), Villa Bernasconi (Cernobbio) e la biblioteca di Brunate si terrà la ventesima edizione del Festival ParoLario, congiuntamente alla Fiera del libro. Seguiranno dettagli sulle modalità di iscrizione, non appena li avremo dalle segreterie organizzative.
 

Venerdì 23 ottobre 2020

Ore 18.45 - Villa Olmo Como 

"A divenire. Opere 1960-2020", presentazione del libro/catalogo di Alessandro Berra, edito da New Press in occasione del 60° di attività artistica. Con Alessandro Berra e Luigi Cavadini
 


 

Sabato 24 ottobre 2020

Ore 10.30 - Villa Bernasconi Cernobbio 

"Mary Shelley e Frankenstein sul lago di Como"
Con Pietro Berra e Claudia Cantaluppi. Letture di Yasmine Berrechid
Letture scelte e commentate dal libro di Mary Shelley “A zonzo sul lago di Como”, prima traduzione italiana del volume d’apertura del trittico "Rambles in Germany and Italy", uscito per le edizioni Sentiero dei Sogni a 180 anni dall’estate del 1840 che l’autrice di “Frankenstein” trascorse sul Lario. Un libro ricco di aneddoti su ville, personaggi e tradizioni, arricchito da una corposa guida ai luoghi comaschi che i coniugi Shelley trasformarono in letteratura, ambientandovi anche parti di romanzi e poemi celebri come "Frankenstein", "L’ultimo uomo" e "Rosalind e Helen", di cui pure saranno proposti alcuni passi.
 

Domenica 25 ottobre 2020

Ore 10.30 - Villa Olmo Como 

“Al bambino pittore”, laboratorio creativo di ispirazione rodariana a cura di Jessica Molinari.
Ogni storia o filastrocca di Gianni Rodari fa riflettere direttamente o indirettamente il lettore, sia esso un bambino o un adulto. Gianni Rodari accomuna grandi e piccini con valori universali ma anche attraverso il gioco e l’immaginazione. Ogni laboratorio inizia con una lettura per poi passare ad un’esplosione creativa dove il bambino può divertirsi con la fantasia e il pensiero divergente. Per tutti i bambini da 0 a 100 anni.

Ore 14.30 - Biblioteca di Brunate

"Lettere ai bambini. Sulle orme di Alda Merini e Gianni Rodari". Conduce Pietro Berra.
Passeggiata creativa con letture e narrazioni per inaugurare i nuovi cartelli poetici collocati lungo la mulattiera che dal 1817 collega Como con Brunate e che dallo scorso anno è per metà intitolata ad Alda Merini. Nel centenario della nascita di Gianni Rodari, il percorso, così come la cartellonistica realizzata nell’ambito del progetto “Como futuribile”, intende omaggiare l’autore di Omegna e ricordare la costante e originale attenzione che ha avuto per il mondo dell’infanzia. Un’attenzione che, sebbene meno centrale nella sua opera, ha sempre contraddistinto anche Alda Merini. Non a caso sia Merini che Rodari hanno intitolato una loro poesia “Lettera ai bambini”.
In collaborazione con Comune di Brunate
 
Sabato 31 ottobre 2020

Ore 18.30 - Villa Bernasconi 

Il coraggio di fare poesia. 20 anni + 1 di “Collana”
Con Maurizio Cucchi, Marco Pelliccioli, Mario Santagostini e Wolfango Testoni. Modera Pietro Berra
Ci vuole coraggio per puntare tutto sulla poesia per una piccola casa editrice e anche per condurre un’operazione rigorosa di ricerca e cernita, che ha portato a comporre uno dei cataloghi più completi e interessanti della poesia italiana del Terzo Millennio. Partita nel 1999 con le “Trascurate” di Giancarlo Majorino, “La collana” di “Stampa 2009”, creata da Maurizio Cucchi e Mauro Maconi (scomparso nel 2001), ha accolto in ventuno anni oltre 60 titoli di poesia, ospitando poeti affermati ed esordienti, suggerendo così un dialogo intergenerazionale. Con il curatore intervengono tre autori rappresentativi di generazioni differenti, nati tra gli anni ’50 e gli ’80.
 

Domenica 1 novembre 2020

Ore 15 - Brunate, Biblioteca comunale 

Alda Merini. L’eroina del caos
Annarita Briganti dialoga con Pietro Berra
Una poeta, come voleva essere chiamata, contro ogni forma di convenzione e d'ipocrisia. Due matrimoni, quattro figlie, e una guerra mondiale, ricoveri in manicomio, telefonate notturne, amori celebri e indimenticabili furori, cicche di sigaretta, scrittura, solitudini. Alda Merini ha vissuto con coraggio la propria libertà e altrettanto coraggiosamente Annarita Briganti racchiude in un libro la sua storia debordante per natura, grazie ad affascinanti ricostruzioni dell'epoca e a molte preziose interviste - agli amici, ai colleghi artisti, al fedele fotografo, alla figlia Barbara e a tanti altri.
In collaborazione con Premio Alda Merini

Seregno: Su la testa! Musiche contro le mafie

 

Ingresso gratuito previa prenotazione scrivendo a legalita.seregno@gmail.com

Puliamo il parco GruBrìa insieme a Legambiente Cinisello