domenica 3 marzo 2024

Primavera nel Parco Agricolo della Valletta: percorsi panoramici tra Bulciaghetto, Cremella e Rus Cassiciacum


Un'incantevole escursione primaverile attraverso i sentieri di crinale tra Bulciaghetto, Cremella e Rus Cassiciacum, con la straordinaria opportunità di esplorare il Parco Storico-Archeologico Sant'Agostino di Cassago Brianza. Immerso tra la valle del Lambro e le colline di Montevecchia, il Parco Agricolo della Valletta custodisce gioielli paesaggistici della Brianza, abbracciati dalla maestosa cornice delle Prealpi Lariane.

Fin dai tempi più antichi, i crinali boscosi e morenici del parco hanno ospitato antiche vie pedemontane, collegando Como all'Adda attraverso la valle di Rovagnate. Partendo dall'oratorio carolingio di Santo Stefano a Bulciaghetto, il percorso ci guiderà attraverso luoghi affascinanti e misteriosi, come "i Morti dell'Avello", il santuario mariano e la piana agricola di Monte Gregorio.

Successivamente, attraverseremo il suggestivo centro storico di Cremella, ricco di storia romana, corte regia e di un importante monastero benedettino femminile. Un panoramico sentiero, con vista sulle nobili alture di Barzanò, ci condurrà nuovamente nel cuore verde della Valletta, portandoci infine alla suggestiva località di Zizzanorre, dalle antiche origini.

L'escursione culminerà con la visita guidata al Parco Storico Archeologico di Sant'Agostino, a cura dell'associazione omonima. E per concludere in bellezza: auguri pasquali, brindisi e la tradizionale colomba!

L'itinerario offre un percorso agevole su sentieri facili, antichi tracciati campestri e strade urbane a bassa intensità di traffico, con una lunghezza di circa 7.500 km. Si consiglia l'uso di calzature impermeabili e abbigliamento adatto alla primavera.

Dettagli logistici:

  • Ritrovo a Macherio: ore 8:15 presso Arci Macherio, Via V. Veneto 46.
  • Ritrovo a Bulciago: ore 8:50 presso il parcheggio in Strada Consortile del Lavello.
  • Termine dell'escursione: circa ore 13:00 presso Via Italia Libera, Cassago Brianza (LC).

L'escursione è riservata ai tesserati ARCI con una sottoscrizione di 4 euro. La prenotazione è obbligatoria (massimo 30 partecipanti). Gli organizzatori declinano responsabilità per eventuali incidenti e danni a persone o cose.

Per iscrizioni, contattare cultura@arcimacherio.it o chiamare Augusta al 335 632 8590, per ulteriori informazioni Gianni al 339 844 6553. Seguiteci sulla pagina Instagram ARCIMACHERIO.

venerdì 1 marzo 2024

Viaggio in Brianza, alla scoperta del consumo di suolo lungo il tracciato di Pedemontana


Viaggio al Centro del Suolo

Mercoledì 6 Marzo 2024 - ore 21:00

Caffè Culturale (Conferenza)

Via Lampugnani 119, Desio
Ingresso gratuito


Scopri il Rapporto Ispra 2023: Lombardia, la regione più cementificata d'Italia. Approfondiremo l'importanza vitale del "No" al consumo del suolo lungo la Dorsale Verde Nord Milano, l'ultimo spazio libero rimasto, che ci condurrà da Seveso a Vimercate attraverso il tracciato di Pedemontana Lombarda.

Interverranno:

  • Davide Biggi, Coordinamento No Pedemontana, parlerà del tema Diossina Seveso.
  • Giacomo Mosca, Comitato per la Difesa del Territorio, discuterà della raccolta firme a Lissone.
  • Manuela Meloni, Comitato Ferma Ecomostro Tratta D Breve, condividerà le ultime novità dall'incontro a Bruxelles.

In collegamento:

  • Prof. Paolo Pileri, docente di Architettura e Urbanistica al Politecnico di Milano.
  • Dott. Luca Onorato, climatologo presso ARPAL.

L'evento è organizzato dalla Lista Civica "Attivi per Desio".
Per maggiori informazioni:
Tel: 0362 1793991
 

Il lago e gli ambienti lacustri all'Unitre di Mariano Comense


16 marzo 2024 - ore 16

Sala civica di Mariano Comense

La natura si incontra.

Conoscere e rispettare le acque del nostro territorio.

in collaborazione con

Comitato per il parco regionale Groane Brughiera


Simonetta Taietti, Presidente di UNITRE MARIANO COMENSE, ha presentato il tema dell'anno 2023/24 con entusiasmo, dichiarando che dopo aver esplorato lo scorso anno la montagna, l'attenzione si è spostato ora su "IL LAGO E L'AMBIENTE LACUSTRE". Questo tema sarà esaminato sotto diverse prospettive, tra cui il paesaggio, la letteratura, l'arte, la metafora, l'ambiente, la storia, e altro ancora.

Il Consiglio Direttivo ha deciso di continuare a esplorare tematiche paesaggistiche-ambientali, prendendo ispirazione da Alessandro Manzoni, autore de "I Promessi Sposi". Manzoni, il cui legame con il lago di Como è evidente dalle sue celebri parole: "Quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi," sarà il protagonista degli incontri iniziali dell'anno. La sua vita è strettamente legata al lago di Como, ma anche al lago Maggiore, dove ha trascorso molto tempo nella villa della sua seconda moglie, e al lago di Lugano, dove ha studiato in collegio.

Taietti auspica un lavoro collettivo dei docenti che, come un "collage", possa culminare in un evento finale coinvolgente per tutti gli associati e oltre. Concludendo il suo intervento, auspica un Buon Inizio a tutti, sottolineando la speranza che questo percorso non solo non deluda nessuno, ma si riveli un autentico arricchimento in termini di conoscenza, socializzazione e positiva contaminazione interpersonale e intergenerazionale.

Risparmio energetico: nasce uno sportello online gratuito dedicato alle organizzazioni no profit


Sei pronto a ottimizzare i consumi energetici della tua organizzazione no profit?
 

PuntoAmbiente ha aperto uno sportello online gratuito dedicato al risparmio energetico per organizzazioni no profit. Si invita chi è interessato a ottimizzare i consumi energetici della propria organizzazione a partecipare.

I servizi offerti includono consulenza specializzata da parte del team di esperti di PuntoAmbiente, che è disponibile a rispondere a domande complesse sulle normative energetiche e sugli incentivi esistenti. Inoltre, viene offerta assistenza nella gestione dei consumi, guidando l'implementazione delle migliori pratiche per ridurre i consumi energetici e contribuire all'ambiente. Gli incontri mensili online, aperti a tutti i soci e dirigenti delle organizzazioni no profit interessate, forniscono ulteriore supporto.

Lo sportello è attivo a partire dal 6 marzo 2024, con gli incontri che si svolgeranno ogni primo mercoledì del mese a partire dalle 19:00. Coloro che desiderano ricevere consulenza gratuita e avviare un percorso verso una gestione energetica più efficiente sono invitati a visitare il sito web: www.puntoambiente.eu/sportello.

giovedì 29 febbraio 2024

Meda. Risposte e prospettive sulla Comunità Energetica Rinnovabile (CER)

Fonte immagine: Wikipedia

In risposta all'interrogazione del 9 febbraio 2024 (leggi qui) formulata dal Consigliere Comunale Marcello Proserpio, rappresentante dei gruppi Sinistra e Ambiente-Impulsi, Medaperta, PD, è stata fornita una risposta formale che fornisce un quadro dettagliato sulla situazione attuale della proposta di CER a Meda. Una CER (Comunità Energetica Rinnovabile) è un'entità che coinvolge diversi attori, come cittadini e amministrazioni locali, nella gestione e produzione di energia rinnovabile, promuovendo sostenibilità e partecipazione collettiva.

Attualmente, la CER di Meda conta sull'adesione dell'amministrazione comunale e di 39 cittadini, di cui 19 risiedono nelle case comunali, con la prospettiva di coinvolgere ulteriori partecipanti. Tuttavia, è importante sottolineare che la forma giuridica, lo statuto e il costo stimato per la realizzazione dell'impianto fotovoltaico sulla scuola primaria "A. Diaz" non sono ancora definiti, come indicato nella risposta ufficiale.

Il Comune di Meda ha partecipato alla Manifestazione d'Interesse di Regione Lombardia per i progetti di CER il 27 aprile 2023 ed è stato incluso nell'elenco delle proposte meritevoli di accedere alla Fase 2. Attualmente, si sta attraversando la Fase 1 del Bando di Regione Lombardia. Entro il 29 febbraio 2024, ogni proponente dovrà redigere il Quadro Economico e il Piano Finanziario della CER, consentendo la quantificazione delle risorse economiche messe a disposizione dalla Regione per le spese sostenute sui beni pubblici.

Per garantire la coerenza con i principi di socialità ed ecosostenibilità, il Comune di Meda utilizzerà la piattaforma informatica Bandi di Regione Lombardia per redigere la documentazione richiesta. La promozione e la realizzazione della CER sono parte integrante della proposta amministrativa, e l'impegno è continuo nel monitorare attentamente il percorso del progetto, garantendo la sua attuazione tempestiva.

Tuttavia, sono necessari ulteriori dettagli, come il costo dell'impianto e il contributo regionale, così come la configurazione associativa della CER. I gruppi di Sinistra e Ambiente-Impulsi, Medaperta, e Partito Democratico sottolineano l'importanza di richiedere un aumento significativo del fondo regionale, attualmente considerato esiguo, per avviare un numero sostanziale di Comunità Energetiche con fonti rinnovabili.

In conclusione, il monitoraggio attivo dell'iter del progetto è essenziale per garantire che la CER di Meda si sviluppi in linea con gli obiettivi di sostenibilità e socialità, promuovendo il benessere della comunità locale.

Area agricola di Scarenna. Le associazioni ambientaliste lanciano un appello per la tutela del territorio


Il Circolo Ambiente Ilaria Alpi, il Gruppo Naturalistico della Brianza e Legambiente Lombardia stanno alzando la voce contro il progetto di una nuova strada lungo il Lambro, minacciando l'area agricola di Scarenna (tra Asso e Caslino d'Erba). In risposta, hanno richiesto un'audizione presso la Commissione Territorio, infrastrutture e mobilità in Regione Lombardia.

Un coordinamento composto da 9 associazioni opera da anni per la salvaguardia dell'area agricola minacciata, sostituendosi, con iniziative di informazione al territorio, a una mancanza di attenzione da parte delle istituzioni, in particolare dalla Comunità Montana Triangolo Lariano, promotrice del progetto.

La richiesta iniziale di essere ascoltate nella passata seduta del 26 febbraio è rimasta inascoltata, ma nonostante ciò, le associazioni continuano a chiedere di essere coinvolte nel dibattito il prima possibile. La loro preoccupazione è che la mancanza di ascolto possa portare a incontri frammentati e duplicati, rallentando una trattazione compiuta del tema.

Le associazioni intendono sottolineare alla Commissione Regionale che il territorio in questione non è uno spazio vuoto da riempire con una strada, ma un'area agricola con un potenziale turistico inespresso. La conservazione di questa zona è fondamentale per la creazione di un percorso ciclopedonale che, seguendo la rete ferroviaria Trenord, attraversi la valle da Erba, portando alla riscoperta di Asso e delle sue frazioni.


Già oggi, l'area libera dalle automobili è ampiamente frequentata da camminatori e ciclisti locali, evidenziando il suo potenziale turistico. A 14 anni dalla frana, le prospettive stanno cambiando, come evidenziato dall'approvazione del progetto "Borgo Ospitale" da parte della Comunità Montana.

Un punto cruciale sollevato dalle associazioni è l'importanza di comprendere le prospettive a lungo termine del territorio, anziché limitarsi a trovare un progetto per ottenere finanziamenti. La richiesta è di creare un quadro completo della situazione, ascoltando diversi punti di vista e correggendo informazioni lacunose o tecnicamente errate fornite durante la passata seduta.

Con oltre 1000 firme raccolte contro la nuova strada e un sostegno significativo da parte degli abitanti locali contrari all'incremento del traffico di attraversamento nella frazione, le associazioni invitano la Commissione regionale a considerare attentamente la complessità della situazione prima di prendere decisioni cruciali.

mercoledì 28 febbraio 2024

Vota il documentario sul Monte San Primo, selezionato al film festival di Cambridge

Il corto 'The Last Skiers' della regista erbese Veronica Ciceri, nelle nomination come 'miglior documentario' al 'Watersprite Film Festival'; il Coordinamento invita a visionarlo e votarlo online entro l'1 marzo


Fino al 1 marzo è possibile vedere in anteprima online e votare come miglior documentario, il corto realizzato dalla regista erbese Veronica Ciceri, ambientato in particolare sul Monte San Primo.
 
Il docu-film esplora con occhio antropologico il modo di vivere la montagna lariana sia nel passato, sia nel presente, sia nel possibile futuro, a fronte della crisi climatica che stiamo vivendo. Il tema è infatti quello degli impianti da sci, attivi sul San Primo dagli anni '60 del secolo scorso, fino agli inizi del 2000, quando di fatto sono stati abbandonati a causa della mancanza di neve.  

Il corto è stato finora selezionato in diversi festival, in particolare in Inghilterra. In Germania, nel 2023, Veronica Ciceri ha vinto il premio ‘miglior regista emergente' al Bergfilm-Festival di Tegernsee, proprio col docu-film "The last Skiers".

cliccare qui: watersprite.org.uk/online-pass

Il Coordinamento 'Salviamo il Monte San Primo' promuove il documentario e invita tutti a visionarlo e votarlo online; altri dettagli sul docu-film e le informazioni per accedere e votare, sono su questa pagina dedicata.

Altre info su: https://bellagiosanprimo.com