mercoledì 26 giugno 2024

Seregno lancia il Piano del Clima: un impegno concreto per il futuro


Lunedì scorso, 24 giugno 2024, l'amministrazione comunale di Seregno ha organizzato un'assemblea pubblica molto partecipata per presentare il percorso di redazione del Piano del Clima. Seregno è una delle poche città delle sue dimensioni ad aver intrapreso un'iniziativa di questo tipo, che avrà anche un impatto significativo sulla stesura del futuro Piano di Governo del Territorio (PGT). Durante la serata, con oltre 120 persone presenti in biblioteca, il sindaco ha introdotto il Piano Clima insieme a Elena Granata, urbanista e docente al Politecnico di Milano.


Il sindaco Rossi ha sottolineato l'importanza del Piano Clima attraverso diversi punti chiave:

  1. Iniziare un percorso: Un anno fa, Seregno ha vissuto eventi climatici estremi che hanno causato danni per oltre 10 milioni di euro e costretto 22 famiglie a sfollare. Questo documento rappresenta l'opportunità di trovare soluzioni collettive per affrontare il nuovo contesto climatico.
  2. Stabilire priorità: La discussione sul Piano di Governo del Territorio deve necessariamente includere l'adattamento ai cambiamenti climatici, che influiscono su tutti gli aspetti della vita cittadina: abitazioni, mobilità, scuole, economia, ambiente, servizi sociali, cultura e sport.
  3. Ascoltare la comunità: Il Piano Clima vuole avviare una discussione pubblica coinvolgendo stakeholder, associazioni, aziende, scuole, consulte e cittadini, per determinare insieme le priorità degli interventi necessari per rendere la città più resiliente ai cambiamenti climatici. Un esempio emblematico è la gestione del verde pubblico, di cui il Comune controlla solo il 30%.
  4. Approfondire la conoscenza: Collaborando con Brianzacque, il centro meteo locale e numerosi professionisti, sono stati raccolti dati significativi che influenzeranno le scelte future. Ad esempio, le temperature a Seregno potrebbero diventare simili a quelle di Marrakesh e ci sono seri rischi idrogeologici, nonostante l'assenza di fiumi in città.
  5. Attirare risorse: Il Piano Clima è essenziale per aumentare le possibilità di ottenere finanziamenti pubblici attraverso bandi europei, nazionali e regionali, destinati a progetti che mitigano gli effetti del cambiamento climatico.

Il sindaco ha inoltre sottolineato che l'obiettivo del Piano Clima va oltre l'attuale mandato amministrativo, delineando un quadro di riferimento per proteggere la città da rischi e pericoli nel lungo termine. Nei prossimi giorni, il piano sarà pubblicato sul sito Seregno 2030 e in autunno verranno promosse ulteriori iniziative.


Noi seguiremo con attenzione le diverse fasi di questo percorso, apprezzando il fatto che finalmente vengono accolte le proposte che da anni le associazioni ambientaliste di Seregno hanno portato avanti. Siamo consapevoli che alcune delle azioni proposte non potranno essere realizzate immediatamente, mentre riteniamo che altre possono essere attuate rapidamente, come gli interventi di manutenzione, gli sfalci, le potature, la scelta dei materiali e l'evitare inutili operazioni di impermeabilizzazione del suolo. Ad esempio, le recenti asfaltature delle strade potevano vedere l'impiego di materiali che riscaldano meno l'ambiente. Seguiremo queste fasi e accogliamo l'invito, come abbiamo sempre fatto, di avanzare proposte in merito.

Nessun commento:

Posta un commento