martedì 29 dicembre 2009

Brianza, parchi e cemento

Antonino Brambilla, assessore ai parchi della neonata Provincia di Monza e Brianza, in una recente intervista rilasciata a "il punto" - ed. Brianza afferma che "I parchi rappresentano (...) una realtà molto importante; basti considerare che sul nostro territorio si trovano due parchi di carattere regionale (il Parco delle Groane e il Parco della Valle del Lambro) e ben dieci parchi sovracomunali." (Nota 1)

Purtroppo, nonostante i numerosi parchi, la nostra provincia risulta anche essere una delle più cementificate con una superficie urbanizzata superiore al 47% e con previsioni di espansione di un ulteriore 10%. Il dato è oltremodo preoccupante se consideriamo che la soglia di sostenibilità, oltre la quale i terreni non garantiscono più la rigenerazione ambientale, è stata stabilita dal PTCP della Provincia di Milano al 45%! (Nota 2)

Il "Comitato per l'ampliamento del Parco Brianza Centrale", conscio del fatto che la sostenibilità ambientale richiede la salvaguardia delle aree ancora libere e la creazione di collegamenti ecologici tra i vari parchi, ribadisce la necessità di tutelare il territorio inedificato nei comuni di Carate Brianza, Albiate, Sovico, Macherio, Lissone, Desio e Cesano Maderno includendolo nel PLIS attualmente limitato al comune di Seregno.


Note:
(1) I Parchi Regionali che insistono, almeno in parte, sul territorio della Provincia di Monza e Brianza in realtà sono tre. Ai due citati dev'essere aggiunto il Parco Adda Nord che insiste sul territorio del comune di Cornate d'Adda.
(2) Vedi: "Consumo di suolo - Atlante della Provincia di Milano".

Nella foto: Seregno - il "giardino comunale" di via Papa Giovanni XXIII

2 commenti:

  1. vogliono edificare un 10% in più!? ma dove?
    ma non si può fare nulla per bloccarli?
    è già insostenibile adesso la situazione...

    Alberto Pozzoli

    RispondiElimina
  2. Brianza Centrale20 marzo 2010 21:44

    Il dato indicato è realtivo all'intera Brianza.
    Per qaunto riguarda la Brianza Centrale i dati sono ben peggiori. Vedi: http://brianzacentrale.blogspot.com/2010/03/il-consumo-di-suolo-in-brianza-centrale_20.html

    Comunque è proprio per contrastare il consumo di suolo che è nato il Comitato per l'ampliamento del Parco Brianza Centrale. Chi fosse interessato a partecipare alle sue attività può scrivere a: brianza.centrale@libero.it

    RispondiElimina