lunedì 8 marzo 2021

Macherio: un Paese che non ama gli alberi


 

Alcuni lettori di questo blog ci hanno segnalato un intervento (leggi qui) di Mariarosa Radaelli, sindaca di Macherio che propone di effettuare un taglio radicale "degli alberi che delimitano alcuni percorsi stradali" del suo Paese quali via Milano, via Grandi, via Fratelli Cervi e viale Rimembranze. 

 

Secondo la sindaca "con il tempo gli alberi sono diventati veri e propri giganti che allungano le braccia in cerca di luce e con la chioma oscurano il paesaggio e le abitazioni prospicienti, recando il solo e non irrilevante vantaggio di una gradevole frescura apprezzata nei mesi più caldi".

 

Chi abita a Macherio, come in qualsiasi altra cittadina della Brianza, sa benissimo che durante i mesi estivi i nostri centri urbani si trasformano in "isole di calore". La funzione degli alberi in città per contrastare tale fenomeno è essenziale: basta pensare che solo un albero ci può regalare il refrigerio prodotto da cinque condizionatori. Ma gli alberi non hanno solo questa funzione: riducono infatti gli inquinanti atmosferici, immagazzinano il CO2, conservano l'acqua piovana e favoriscono la biodiversità. 

 

Per argomentare il taglio la sindaca porta le seguenti argomentazioni: "Questo verde, vetusto e cresciuto a dismisura, ha perso la sua funzione di arredo urbano. Non abbellisce, non apporta benefici. Crea problemi. Di manutenzione che grava sulle casse comunali, di disagio non indifferente per le recinzioni e i giardini dei residenti che periodicamente reiterano le loro lamentele."

 

Ma non è tutto, si lamenta anche del fatto che la Sovrintendenza abbia vietato l'abbattimento degli alberi di via Milano e che abbia posto "una serie di prescrizioni e richiesto una serie di relazioni tecniche per quelli di viale Rimembranze".

 

Insomma Macherio è sulla buona strada per diventare un Paese sempre più caloroso.  

7 commenti:

  1. Fare politica significa guardare al futuro. Le proposte della sindaca di Macherio sembrano miopi e paiono incomprensibili.
    Mentre nel resto del mondo si parla di creare isole ecologiche alberate all'interno dei centro abitati, magari eliminando i parcheggi, a Macherio l'amministrazione gli alberi li vuole togliere. Siamo proprio messi male: poveri macheriesi e anche noi brianzoli. Con questi amministratori non abbiamo futuro!

    RispondiElimina
  2. Abbiamo ricevuto alcuni commenti che per il linguaggio "colorito" abbiamo ritenuto opportuno non pubblicare. Le critiche possono essere dure ma non devono mancare di rispetto.

    RispondiElimina
  3. Gianni Del Pero9 marzo 2021 11:02

    Il WWF Lombardia, informato di questa non condivisibile esternazione, richiederà alla Sindaca un radicale ripensamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bene, grazie di cuore a WWF Lombardia per l'interessamento! Fa piacere sapere di non essere soli.

      Elimina
    2. Quella via alberata è bellissima! Ci sono passata apposta qualche volta in bicicletta per goderne pace e verde. Sono davvero combattuta nel vedere come il taglio netto sia attualmente un'idea molto comune di queste amministrazioni. E ancora di più, sebbene non sia del settore, sono esterrefatta nel leggere come agronomi e tecnici chiamati ad hoc acconsentano a queste scelte senza indicare altre soluzioni valide se non ripiantare giovani esemplari che chissà quando ricresceranno. Come cittadina che tiene al territorio in cui vive vedo queste scelte come un certo abuso di potere da parte di queste amministrazioni che assolutamente non tengono in considerazione né il parere dei cittadini, né l'interesse di realizzare azioni di qualità per il bene dei comuni che amministrano. Ben venga che ci siano enti meno consenzienti sopra di loro che impongano di bloccare queste idee. È ora che queste amministrazioni si svegliassero di più nel valorizzare anche le bellezze paesaggistiche (purtroppo sempre meno) che hanno sotto gli occhi.

      Elimina
  4. Grazie Laura, la politica dovrebbe guardare lontano, darci una prospettiva futura. Speriamo che questo post aiuti la sindaca Radaelli a rivedere la sua posizione.
    Grazie anche al WWF Lombardia per l'interessamento e l'aiuto.

    RispondiElimina
  5. Lo scorso 15 marzo 2021 il WWF Lombardia ed il Comitato Brianza Centrale hanno scritto alla Sindaca di Macherio. Cliccando qui potete leggere la lettera

    RispondiElimina