venerdì 21 giugno 2024

Progetto Canturina Bis: le contraddizioni controproducenti


Riceviamo da Gianni Del Pero, presidente delegato del WWF Lombardia, il seguente comunicato. Pur auspicando che quanto dichiarato dal WWF si avveri, riteniamo opportuno non seguire il consiglio di astenerci da nostre considerazioni. Pensiamo che l'attenzione debba rimanere alta fintanto che non viene ufficializzato dagli enti preposti che la Canturina Bis non verrà più realizzata.

Questo il comunicato del WWF:

Canturina Bis/Tangenzialina di Mariano: Oggi ci abbiamo messo una croce sopra!


Importanti novità dall'incontro tecnico che si è tenuto oggi
(giovedì 20/06/2024) in Provincia: la tangenzialina di Mariano non è e non sarà mai appaltabile! Ci sarà un'integrazione al progetto di fattibilità per verificare, sulla base delle nostre osservazioni e della richiesta del Comune di Carimate, varianti e stralci dei lotti 1 e 2, e solo quest'ultimo sarà messo a gara (forse, ma non certo quest'anno) perché di soldi non ce ne sono e non ce ne saranno mai per fare di più. Al posto dello svincolo di Carimate, però, ci sarà una proposta di trincea aperta (che anch'essa non vedrà mai la luce). E altre piccole cose sulle quali torneremo nei prossimi mesi. Invitiamo caldamente chi non è informato, o non vuole esserlo, ad astenersi da commenti e iniziative controproducenti.

Queste le nostre considerazioni:


Il testo presenta diverse affermazioni che rendono difficile comprendere la reale situazione della Canturina Bis/Tangenzialina di Mariano.

Innanzitutto, c'è una contraddizione sullo stato del progetto. All'inizio si afferma categoricamente che "la tangenzialina di Mariano non è e non sarà mai appaltabile!". Tuttavia, subito dopo si parla di "un'integrazione al progetto di fattibilità" per verificare varianti e stralci dei lotti 1 e 2, aggiungendo che "solo quest'ultimo sarà messo a gara (forse, ma non certo quest'anno)". Questo crea confusione: se la tangenzialina non sarà mai appaltabile, perché si considera la possibilità di mettere a gara il lotto 2?

Un'altra contraddizione riguarda le risorse finanziarie. Il testo afferma che "di soldi non ce ne sono e non ce ne saranno mai per fare di più". Tuttavia, viene menzionata la possibilità di mettere a gara il lotto 2, anche se non quest'anno. Se non ci sono e non ci saranno mai soldi, come si può pensare di finanziare anche solo una parte del progetto?

C'è anche una contraddizione nelle proposte alternative. Si dice che "al posto dello svincolo di Carimate, ci sarà una proposta di trincea aperta", ma subito dopo si aggiunge che "anch'essa non vedrà mai la luce". Se non vedrà mai la luce, perché fare questa proposta? Questo passaggio sembra suggerire un'alternativa solo per smentirla immediatamente.

Infine, il messaggio conclusivo invita chi non è informato ad astenersi da commenti e iniziative controproducenti. Tuttavia, data la presenza di molteplici contraddizioni nel testo stesso, è naturale che possano sorgere commenti critici o domande. Tentare di zittire chiunque non sia d'accordo o critico risulta controproducente e può generare ulteriore confusione e sfiducia tra i cittadini e gli stakeholder coinvolti.

 

Aggiornamento 21/06/2024

Le precisazioni del WWF Lombardia:

 

In risposta alle osservazioni da noi sollevate riguardo al comunicato del WWF Lombardia, il presidente delegato Gianni Del Pero ha fornito chiarimenti per dissipare le contraddizioni evidenziate.

Del Pero ha spiegato che le dichiarazioni contenute nel comunicato riflettono accuratamente le informazioni ricevute dalla Provincia. Gli Uffici Tecnici provinciali hanno il compito di portare avanti le decisioni prese dagli organi amministrativi, ma devono anche considerare le condizioni circostanti, poiché sono responsabili dell'adozione delle determine.

Pertanto, l'incarico di integrare il progetto di fattibilità, che comprende la Tangenzialina di Mariano e lo svincolo di Carimate, deve essere affidato. Questo passaggio non rappresenta una contraddizione, ma una procedura obbligatoria per gli Uffici Tecnici.

In merito alle risorse economiche, è stato chiarito che sono disponibili "solo" 95 milioni di euro. Di conseguenza, dopo gli approfondimenti sull'intero progetto, è stato ufficialmente comunicato che l'appalto integrato (comprendente la progettazione esecutiva e l'esecuzione delle opere) riguarderà solo il 2° lotto, interamente situato a Cantù. I dirigenti non possono procedere diversamente, poiché devono operare entro i limiti delle risorse disponibili, senza incorrere in vere o presunte contraddizioni.

6 commenti:

  1. C'è chi si fida della Provincia, ma io non mi fido fino a quando il progetto non viene ritirato. Ora le risorse non ci sono, ma domani? Proseguire a spizzichi e bocconi fa sì che prima o poi verrà realizzata. Tornare indietro è difficile perché poi qualcuno dovrebbe pagare il danno erariale. Quindi, questo non è il momento di festeggiare, ma di fare ulteriori pressioni per contrastare quest'opera dannosa. Ringrazio il blog per tenerci aggiornati.

    RispondiElimina
  2. Quindi il WWF lombardia ritiene un successo che con le risorse disponibili si farà solo il secondo lotto a Cantù ? Gli basta questo ? Gli basta essere chiamato dalla Provincia di Como e sentirsi raccontare che con 95 milioni si potrà fare solo una parte della canturina bis ? Il finale del suo messaggio è poi arrogante e inquietante. Ce l'ha forse con gli altri gruppi che continuano ad organizzare iniziative e da cui il WWF s'è allontanato ? No proprio non ci siamo e il WWF farebbe meglio a rivedere la sua posizione.

    RispondiElimina
  3. Sun Tzu, [...] continua a tifare "contro" il WWF e le Associazioni che hanno ottenuto che la Provincia rivedesse i suoi progetti e prendesse atto che la Tangenzialina di Mariano e la Variante "Gronda" della Canturina Bis non si possono e non si potranno mai realizzare. E questo grazie alle Osservazioni presentate congiuntamente da WWF, No alla Strada nel Parco, Comitato Parco Groane-Brughiera, Legambiente, Circolo Ilaria Alpi, Amici della Brughiera, Gruppo Naturalistico della Brianza che hanno preferito confrontarsi sui tavoli istituzionali, ottenendo nel tempo il parere contrario del Parco Regionale ad ogni ipotesi viabilistica nel suo territorio e lo stralcio della Tangenzialina dal PGT di Mariano, che sfoderare inutile "antagonismo".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo rimosso dal commento di "Anonimo" alcune espressioni che potevano generare confusione e far pensare che l'autore del commento fosse il moderatore di questo blog. Il nostro obiettivo è promuovere un dialogo aperto e costruttivo, dove tutte le opinioni possono essere espresse in modo rispettoso e informato. Riteniamo che il confronto tra idee diverse sia fondamentale per arricchire il dibattito e permettere a tutti di formarsi un'opinione più completa e consapevole. Tuttavia, c'è una linea sottile tra il dissenso legittimo e la manipolazione delle nostre posizioni. Quando le nostre opinioni vengono distorte o fraintese deliberatamente, non solo viene minato il nostro lavoro, ma si crea anche un ambiente di disinformazione che può fuorviare i lettori e danneggiare il dialogo costruttivo.

      Elimina
  4. Ho letto su "La Provincia" di ieri, 22 giugno 2024, il seguente brano: "Reduce da un incontro tecnico in Provincia, [Gianni Del Pero, presidente del WWF Lombardia] si dice convinto che la Canturina bis sia al capolinea prima ancora di nascere: 'A prescindere dalle dichiarazioni dei politici e di alcuni para-ambientalisti che danno i numeri sulla base di un progetto di fattibilità che non entra nel merito, la verità è che oggi l'opera non è finanziata né progettata'."
    Ma chi sono esattamente questi "para-ambientalisti"? Non si riferirà mica al "Coordinamento NO Canturina Bis", dal quale il WWF si è distaccato tempo fa?
    Perché questa acrimonia, tra l'altro gratuita?

    RispondiElimina
  5. Non vi è nessuna novità dall'amministrazione provinciale circa la progettazione della Canturina bis. Come previsto dalla nuova legge sui lavori pubblici, a seguire la Progettazione di Fattibilità Tecnica Economica vi sarà l'Esecutiva. Ad oggi è scorretto dire che non ci sono i soldi per realizzare questa infrastruttura. Sono stato individuati dalla Regione tramite la legge 9/2020 (Piano Marshall) 98 milioni di euro che potrebbero risultare utili nella realizzazione di uno dei tre lotti individuati dal Pfte.
    Ricordo che mentre per il primo lotto si tratterebbe di 155 milioni stimati e per il terzo 108 mln, per il secondo lotto ne basterebbero 70 di milioni.
    Il rischio è davvero che si partirà (non certo domani o nel prossimo anno), ma comunque primo o poi con un cantiere devastante sulle aree del parco regionale. Sulle aree comprese tra via Genova e viale Lombardia, attorno a Mirabello, vi è davvero il rischio di un ulteriore cementificazione. Non vi è nulla da festeggiare.

    RispondiElimina